vai direttamente al contenuto

Parole e frasi in zeneise

Erbe

  • Persa (Maggiorana)

  • Porsemmo (Prezzemolo)

  • Romanin (Rosmarino)

  • Offèuggio (Alloro)

  • Cornabuggia (Origano)

  • Fenoggio (Finocchio)

  • Ortiga (Ortica)

  • Sarvia (Salvia)

Funghi

  • Trulle (Lepiota procera)

  • Boei (Ovoli buoni)

  • Funzi neigri (Funghi neri-Porcini)

  • Tigne (Amanita)

  • Combette (Colombine)

  • Galletti (Gallinacci-Galletti)

Pesci

  • Ancioa (Acciuga)

  • Buga (Boga)

  • Musao (Cefalo)

  • Treggia (Triglia)

  • Laxerto (Sgombro)

  • Pagou (Pagello)

  • Luaso (Branzino)

  • Purpu (Polpo)

  • Gianchetti (Novellame d'acciuga)

  • Moscoli (Mitili)

  • Nazello (Merluzzo)

  • Putasseau (Merlano)

  • Budego (Rana pescatrice)

  • Ghigiun (Ghiozzo)

In cucina

  • Cantietta da sa (Cassetta del sale)

  • Mortá e pestello (Mortaio e pestone)

  • Taggiou e mezalunn-a (Tagliere e mezzaluna)

  • Poéla (Padella)

  • Tiàn (Tegame)

  • Pugnatta (Pentola)

  • Xàtta e tondo (Piatto piano e piatto fondo)

  • Fiammenghilla (Piatto ovale da portata)

  • Coppetta e cicchettin do caffè (Sottotazzina e tazzina del caffè)

  • Forçinn-a (Forchetta)

  • Cuggiâ (Cucchiaio)

  • Cotèllo (Coltello)

  • Cassa (Mestolo)

  • Cassarea (Schiumarola)

  • Testo (Tegame)

  • Amoa (Brocca)

  • Gotti (Bicchieri)

  • Cantabrûnn-a (Canna da travaso)

  • Tortaiêu (Imbuto)

  • Tirabüsciòn (Cavatappi)

Modi di dire

  • L'è tutto de badda (È tutto gratuito)

  • Levite de puî (Spostati perché mi stai davanti)

  • Piggiâ un schincapê (Impuntarsi con il piede in una sporgenza del terreno)

  • Poscitoêse che te pitte l'orso! (Che ti possa beccare l'orso!)

  • Me pâ che ti vagghi in strambailon (Mi sembri malfermo sulle gambe)

  • Me vegne sempre in chêu... (Mi ricordo sempre...)

  • Ti lòui abbrettio (Lavori in modo disordinato e poco costruttivo)

  • Ghe n'é abbrettio (Ce n'è in abbondanza)

  • Piggia un gotto abbrettio (Prendi un bicchiere qualsiasi)

  • Ancoassè che t'è arrivou (Per fortuna sei arrivato)

  • A l'è a bon patto (Ha un prezzo molto ragionevole)

  • Piggia o pægoa, maniman ciêuve (Prendi l'ombrello, potrebbe anche piovere)

  • Lascia che o lòue, maniman che o se fasse mâ (Lascia che lavori, non succederà di certo che si affatichi troppo)

  • No montâ pe l'âia, maniman ti cazzi (Non salire in alto, potresti cadere)

  • Pessa e pontetto tegnan in pê o ricco e o poveretto (Una toppa e una cucitura contribuiscono al buon andamento delle famiglie sia ricche che povere)

Proverbi

  • E mogê di mainæ no son ne vìdoe ne maiæ (Le moglie dei marinai non sono né vedove né sposate)

  • A pöco per vòtta s’è fæto Zena (Poco per volta si è fatto Genova)

  • O mondo o l'è riondo, chi no sa navegâ va a-o fondo (Il mondo è rotondo, chi non sa navigare, presto va a fondo)

  • Quande e nûvie van a-o mâ, piggia a sappa e vanni a cavâ; quande e nûvie van a-o monte, piggia o caban e vatti a sconde (Quando le nuvole vanno al mare, prendi la zappa e vai a zappare; quando le nuvole vanno al monte, prendi il soprabito e vatti a nascondere)

  • A moæ di belinoin a l'é de lungo gräia (La mamma degli imbecilli è sempre incinta)

  • Ao mêu nêuo gh’è nêue nâe nêue: a ciù nêua de nêue nâe nêue a n'eu anâ (Al molo nuovo ci sono nove navi nuove, e la più nuova delle nove navi nuove non vuole andare)

  • Sciuscia e sciurbi' nu se peu (Soffiare e succhiare non si può)